In pellegrinaggio a Santa Maria di Galeria

Le foto della festa dell'Assunta

Sotto un cielo pieno di nuvole da cui aveva appena smesso di piovere mentre ancora si sentivano i tuoni, sfidando il maltempo abbiamo partecipato all'annuale pellegrinaggio a Santa Maria di Galeria, nella vigilia della festa dell'Assunta. Qualcuno avrà anche pensato che non ne valeva la pena. Invece è stato emozionante camminare a passo svelto per le strade, sotto nuvoloni neri neri, e poi partecipare alla Messa che il Vescovo ha celebrato all'aperto, nella suggestiva piazza del Borgo. Non è caduta una goccia. Tuoni e lampi, tanti. Ma neanche una goccia. Finchè tutto ha avuto termine, e solo allora ... si sono aperte le cateratte del cielo.

Insomma, come ha detto Don Roberto, "la Madonna anche questa volta ci ha tenuto l'ombrello!". Per andare con ordine, siamo partiti in piccolo gruppo dalla Parrocchia di Osteria Nuova. E' stata una processione "penitenziale" nella quale abbiamo pregato per le vittime della sciagura di Genova e per le loro famiglie. La preghiera del santo Rosario ci ha accompagnato fino al Cimitero. Abbiamo avuto come compagno di viaggio anche il nostro Vescovo. Arrivati in piazza, Mons. Reali ha celebrato la Santa Messa, terminata la quale siamo entrati in Chiesa per salutare la Madonna col canto del 'Salve Regina'. Al Vescovo, in segno di gratitudine di tutta la comunità parrocchiale per aver promosso i lavori di restauro del pavimento della Chiesa, sono state donate due opere artistiche; una di Elio Valle, che ha riprodotto l'immagine di Santa Maria in Celsano su un frammento di mattone romano prelevato dal cantiere durante gli ultimi restauri, l'altra di Bruno Bonini che ha realizzato una formella in gesso raffigurante la facciata del Santuario, con tanto di campanile e orologio. 

Maria Rigali
foto: Daniele Baiano

 

 

Stampa news