Da qui la preghiera sale fino a Dio

74° anniversario della consacrazione dell'Altare maggiore

Settantaquattro anni fa, era il 25 Marzo 1945, l'Amministratore Apostolico Mons. Luigi Martinelli consacrava l'altare maggiore del Santuario, dono della popolazione grata alla Madre della Consolazione per la protezione accordata nei terribili anni della Seconda Guerra Mondiale. Come testimoniano le fonti, all'interno del monumento è conservata la radice del gelso sul quale l'Icona di Santa Maria in Celsano fu ritrovata, secoli prima, e da dove fece il suo primo miracolo, la guarigione improvvisa di un bambino colpito da grave malattia. Allora come oggi, la Madonna salva i suoi figli dalla violenza e dalla guerra. Tutti trovano sotto il suo manto salvezza e protezione. 

L'anniversario, che cade nella festa dell'Annunciazione a Maria Santissima, è stato degnamente ricordato con la Messa solenne del 25 Marzo, alle ore 18.00. Su invito del nostro Parroco, officiante è stato il Rev. Valerio Grifoni, Parroco di San Giorgio a Maccarese, località poco distante da Santa Maria di Galeria. Impeccabile il servizio dei bravissimi chierichetti all'altare, suggestivo l'accompagnamento della musica d'organo: una liturgia degna del mistero di Dio e di questo luogo santo in cui è Maria Consolatrice ad accoglierci. Nella predica Don Grifoni ha illustrato la fiducia della Vergine Maria che si è umiliata davanti alla volontà di Dio, diventando, per questo, la Madre del Figlio di Dio; ha esortato tutti ad amare la Madonna e a custodire la tradizione di questo Santuario che è come la casa della comunità, e l'altare il luogo da cui le nostre preghiere, unite al Santo Sacrificio della Messa, salgono fino a Dio.  

Maria Rigali
foto: Daniele Baiano

 

Stampa news