Cristo è davvero Risorto

Solenne Veglia di Pasqua

Tramontato il sole del Sabato Santo, ecco che ha inizio la solenne Veglia di Pasqua. Al fuoco nuovo, appena benedetto s'accende il cero pasquale dietro al quale si forma una piccola processione. Davvero Cristo è la nostra luce - piccola magari, non imponente come vorremmo, ma pur sempre sufficiente a non cadere nel buio più completo e angosciante. Vengono proclamate le letture con la risposta dei salmi e delle varie preghiere, finchè non si arriva al canto del Gloria che scioglie le campane e proclama al mondo - e al cuore di ogni credente - che Cristo è davvero risorto.

Brevissima l'omelia di don Roberto: quasi un semplice augurio, per passare alla liturgia battesimale. Anche quest'anno c'è un adulto a ricevere il Battesimo, è Alessio che si è preparato per due anni ed ora diventa cristiano, ricevendo anche la Confermazione e, insieme a tutta l'assemblea, la Santa Comunione. Candele che si accendono a formare un concerto di luce gioiosa "questa è la nostra fede!". La celebrazione, servita impeccabilmente da uno stuolo di chierichetti, si conclude col canto del Regina Coeli eseguito dalla Corale guidata dal Maestro Antonio Barbagallo. Tante le persone di altre comunità venute a celebrare la Pasqua con noi. Sono appena le dieci e qualche minuto - abbiamo trascorso insieme un momento di profonda spiritualità. Con un valore aggiunto: il luogo benedetto che è la casa di Maria, Madre della Consolazione. 

Maria Rigali
foto: D. Baiano


Stampa news