Come Maria

Le Religiose della Diocesi in visita al Santuario

Nel pomeriggio di sabato 11 maggio il santuario di Santa Maria in Celsano, dedicato a Maria Madre della Consolazione, ha accolto le Religiose della diocesi nel loro pellegrinaggio mariano che si celebra annualmente: un omaggio sempre atteso a Maria, per consegnarle le molte intenzioni di preghiera per il mondo, per la Chiesa, per ogni desiderio che ognuna tiene in cuore. Don Roberto Leoni, rettore del Santuario, ha accolto le Religiose provenienti dalla piazzetta attigua in processione verso la bellissima e antica chiesa piena di luce, di fiori, allietata dalle note dell’Ave Maria di Schubert. La preghiera del Rosario, pregato in lingue diverse, è stata la consegna corale alla Madre della Consolazione di tante intenzioni della Chiesa e della Diocesi, dei fratelli e sorelle che soffrono per la fede, dei Continenti che rappresentiamo, dei giovani, delle famiglie. 

Unito in preghiera con noi, anche un gruppo di fedeli appartenenti alla Legio Mariae. Singolare inoltre la presenza di due coniugi, che hanno celebrato nel Santuario il loro matrimonio 25 anni fa e che attualmente vivono in un’altra zona. In questi anni, ad ogni loro passaggio con il desiderio di sostare in questo luogo, sempre hanno trovato il Santuario chiuso. La provvidenza ha fatto sì che proprio sabato 11, essendo in zona, si sono imbattuti nel nostro gruppo in preghiera e con noi hanno vissuto momenti di forte commozione, preghiera e gratitudine.
 
Significativo, al termine del Rosario, l’omaggio floreale a Maria e la preghiera di consacrazione delle nostre comunità e di tutte noi alla Vergine. Momento interessante anche la presentazione, da parte di don Roberto, di una panoramica storica e spirituale del Santuario, la cui icona, di provenienza orientale, risale al 1300. L’icona stessa è stata ricollocata al centro dell’altare nel 1989 da Mons. Diego Bona, dopo essere stata trafugata l’anno prima. Accanto all’icona della Vergine brillano due lampade votive giunte da Gerusalemme: sono le lampade dell’Unità e della Pace. L’8 dicembre 2015, giorno dell’apertura dell’Anno della Misericordia, la chiesa di Santa Maria in Celsano è stata ufficialmente elevata alla dignità di “Santuario mariano diocesano” dal nostro pastore Mons. Gino Reali. L’incontro si è concluso con la gradita sorpresa di un delizioso e abbondante rinfresco offerto da don Roberto e dalle amiche della Legio Mariae, che hanno preparato il tutto con cura e amore. Un momento che ha permesso il dialogo cordiale tra tutti e che rimane in ciascuna come ricordo di un’esperienza di grazia e di comunione.

Suor Giuseppina Teruggi fma
 
Stampa news